Una piccola speculazione sul Developer Survey 2015 di StackOverflow/Quarz

Sviluppatori di tutto il mondo.. Remotizzatevi!

Immaginabile ma soltanto ora confermata l’idea che i developer del tutto remotizzati guadagnino di più, forse anche grazie alla “delocalizzazione intellettuale” (SoftShoring)

StackOverflow Developer Survey 2015

Nel Developer Survey 2015 vengono declinate moltissime informazioni gustose per chi, come me, fa il developer. Fra queste una è tutta dedicata alla relazione fra retribuzione e grado di remotizzazione dello sviluppatore (software), rispetto alla quale le risposte possibili erano: mai, raramente, in remotizzazione parziale ed in remotizzazione totale.

Aldilà delle molte spiegazioni socio-economiche che potrebbero essere inferite colpisce il dato per cui i developer totalmente remotizzati sembrerebbero percepire retribuzioni superiori alla media, molto superiori. Di contro quelli totalmente co-localizzati sembrerebbero essere retribuiti sotto la media. Ciò vale considerando globalmente i responsi sia differenziando per macro-aree geografiche.

Remote work pays. Developers who work remotely full-time earn about 40% more than those who never work remote.

A voler essere più precisi la tendenza è di un’aumentata redditività dell’attività di development via via che aumenta la frequenza della remotizzazione, tant’è che – così sembrerebbe – in nessuna delle macro-aree identificate è plausibile raggiungere la media della retribuzione senza almeno un filino di remotizzazione.

Pur con tutte le cautele necessarie nel trattare rilevazioni come quella di StackOverflow almeno (..) questa parte bassa della distribuzione potrebbe essere spiegata adducendo tre possibili motivazioni, una più interessante dell’altra:

  • Si conferma il nesso logico fra remotizzazione ed un aumento della produttività, magari anche grazie al positivo influsso dell’isolamento, tale da ingenerare (concretamente) una maggiore redditività;
  • La diffusione del Telelavoro in questo settore, tanto tradizionalmente quanto paradossalmente assai telework skeptic, è tale da assumere dimensioni economiche, peraltro significative;
  • Gli sviluppatori, da un lato potendo e dall’altro dovendo – già solo per raggiungere la media retributiva –, hanno imparato a sfruttare il moonlighting ed in genere il secondolavorismo.

Tali considerazioni, come si è detto, potrebbero essere applicate alla distribuzione nel suo complesso, senonché nella parte alta probabilmente giocano un ruolo di primaria importanza proprio le differenze geografiche – e quindi economiche. Infatti..

The disparity is more pronounced in developing countries.

Come si potrebbe giustificare il fatto che in India, destinazione oramai storica di tante delocalizzazioni nel settore IT, ed in Russia, culla di tantissimi progetti nonché di attività spesso se non proprio illecite (malware) almeno assai disturbanti (spam), uno sviluppatore remotizzato full-time guadagna il doppio di quello co- localizzato?

Non è possibile escludere che i suesposti fattori qualitativi (i.e. aumento della produttività) influenzino in qualche modo il fenomeno. D’altro canto la spiegazione più semplice è economica: probabilmente gli sviluppatori indiani e russi, che abbiano o meno un lavoro co-localizzato, sono in grado di assorbire una parte della domanda (estera) di commesse IT restandosene comodamente a casa loro..

Anche in questo non c’è alcuna novità. Si tratta di uno scenario ampiamente prevedibile, e previsto, da anni. Meno prevedibile è lo smacco, di sapore squisitamente pecuniario e pertanto anche difficilmente occultabile, per tutti quei paesi, Italia in testa, che si ostinano a crogiolarsi a discutere sull’opportunità del Telelavoro quando la competizione nella delocalizzazione delle mansioni intellettuali (Soft Shoring) è già nel vivo..